CONFETTURA HOMEMADE

CONFETTURA “FRUTTO PURO”

Quasi tutte le confetture che troviamo nei nostri supermercati sono ricche di zuccheri e conservanti che ingeriti abitualmente non fanno bene alla nostra salute.

Realizzare la confettura in casa è la cosa migliore per gustarsi una colazione sana.

Io ho scelto di preparare composte “frutto puro”, senza utilizzare né gelatina in fogli né il classico Frutta Pec.

Il procedimento per la realizzazione è semplice e alla portata di tutti. L’unica cosa importante da sapere per una corretta preparazione è la percentuale di acqua contenuta nel frutto scelto ed il suo pH di acidità, perchè altrimenti si rischia di fare degli errori.

La percentuale di acqua contenuta nella frutta è fondamentale perchè al momento della cottura dobbiamo sapere la quantità da aggiungere, altrimenti rischiamo di metterne troppa e, non evaporando completamente, farà diventare la confettura molle e acquosa.

Mentre per quanto riguarda il grado di acidità, esso serve per stabilire quanto zucchero o pectina naturale dobbiamo unire alla frutta per far si che la nostra confettura sia dolce.

La pectina naturale non è altro che lo zucchero stesso della frutta formatosi durante la maturazione e contenuto principalmente nella buccia.

I frutti che contengono pectina sono:

Scorza di agrumi  30%

Mele  1,5%

Albicocche  1  %

Arance  3,5%

Ciliegie  0,4%

 

Per riassumere in breve le caratteristiche della frutta utilizzo la tabella qui sotto:

METODI DI CONSERVAZIONE

Potete chiudere il vasetto di vetro quando il composto è ancora caldo e capovolgerlo fino a raffreddamento in modo tale da ottenere il sottovuoto, oppure una volta chiuso il vasetto di vetro procedere alla pastorizzazione, ossia ponete i vasetti in acqua bollente a circa 95° e lasciateli fino a raffreddamento dell’acqua stessa.